XVI Festival di Musica Antica

Assoli

Omaggio a Joh. Seb. Bach a 250 anni dalla morte

2-16 dicembre 2000


La XIV edizione del Festival di Musica Antica è dedicata a Johann Sebastian Bach, in occasione del 250° anniversario dalla morte, ed è l'unica manifestazione cittadina che, in linea con quanto è avvenuto nel corso dell'anno in tutta Europa, celebra con una serie di sei concerti il grande genio di Eisenach.

I concerti privilegiano un aspetto particolare del pensiero musicale bachiano, riguardante la musica per strumenti solisti, cui il compositore ha dedicato una particolare attenzione, tesa ad esplorare la gamma delle possibilità espressive dei singoli strumenti.

Saranno eseguite alcune composizioni per liuto, sia originali, sia trascritte per uno o due liuti da Massimo Lonardi. Questi brani costituiscono come un omaggio a uno strumento, desueto già all'epoca di Bach, che suscitò, proprio nella prima metà del '700, un rinnovato interesse da parte di compositori come Weiss e Vivaldi.

Andrea Nannoni eseguirà l'integrale delle Suites per violoncello solo: si tratta di un momento compositivo altissimo, sia per il valore musicale, sia per la letteratura del violoncello, all'epoca strumento emergente, fino ad allora messo in ombra dalla viola da gamba, della quale in breve tempo decretò l'oblio.

Un ulteriore tributo alla musica per strumenti ad arco è il concerto di Riccardo Minasi, che eseguirà una Sonata e due Partite per violino solo. Il denominatore comune di questi brani (come quelli per violoncello solo) è quello di una estrema difficoltà esecutiva ed espressiva, non sterilmente virtuosistica ma dovuta all'intento di mettere in risalto la straordinaria capacità di Bach nel dare sentimento umano ad una musica astratta.

Claudio Rufa eseguirà la Partita per flauto solo oltre a brani di Georg Philipp Telemann e Cari Philipp Emanuel Bach.

La composizione di Bach, capolavoro della letteratura flautistica, inserisce il compositore nella tradizione, molto viva in Germania, delle composizioni per flauto, molto amato da Federico II di Prussia e strumento principe delle corti europee.

Enrico Baiano eseguirà brani per cembalo solo, lo strumento (assieme all'organo) prediletto da Bach, per il quale scrisse grandi capolavori che hanno (come la celeberrima Fantasia Cromatica) anticipato soluzioni compositive ed armoniche della musica moderna.


Carmine Mottola