Home page Frenesie di Corte al Castello Arechi

Mailing list
Chattiamo     Scrivici
Cerca in Arechi.it
Lun 05-01-2004 06:31

Info Point
Teatro
Cinema
Parti con Arechi.it
Tempo Libero
Info Utili
Cultura e Tradizioni
By night



Incontriamoci!
Voci di Arechi.it
Agenda degli eventi
Il sito della settimana
Ufficio Stampa

La Patente Europea a 299 E

Shop center
Bacheca
Offerte
Shopping

Quicasa.net

La bottega dei sapori
Ristorazione
Antichi sapori
Le nostre ricette
Prodotti locali

Che tempo fa?
poco nuvoloso
30 °
19 °

Oggi è
S. Simeone, S. Amata, S. Nazario, S. Amelia, S. Astolfo

Servizio cartoline
Invia una cartolina
MUSICA


Le Armonie del Mondo
Al via domenica 23 novembre, nell’abituale sala Molinari nel chiostro della Chiesa del Convento di Piazza S.Francesco, alle ore 20,45, con un concerto dell’Ensemble “Concerto de’Cavalieri”, il XVII Festival di Musica Antica, promosso dall’Associazione Koinè di Carmine Mottola. La caratteristica di questa rassegna è quella di avere un tema, un filo rosso che lega tutti gli appuntamenti del Festival. Quest’anno, il cartellone è ispirato a “Le Armonie del Mondo”, omaggio a quel legame tra scienza, cielo, misticismo e musica che sin dai tempi degli antichi greci lascia convivere il fatto sensibile (la vibrazione che origina i suoni) e quello intellettivo (scale, ritmi, armonie), sino a vedere il mondo quale specchio dell’armonia universale. Pitagora, Tolomeo, Porfirio, e quindi la sequela dei teorici medievali e rinascimentali non si lasciarono sfuggire le preziose analogie tra l’ordine delle sfere, delle proporzioni auree riscontrabili nei corpi e nei cristalli, con il beatificante (ma razionale e calcolabile) dominio dei suoni, giungendo a scoprire, o a imporre, una comune unità legislativa tra il mondo della musica e quello dei numeri, delle figure regolari della geometria piana e solida, del moto dei corpi celesti e di ogni altra manifestazione apparentemente riconducibile ad una speculazione totalizzante. Si formulano complicati parallelismi tra il moto dei pianeti, le loro rispettive posizioni da una parte e le corde degli strumenti, i loro rapporti, le note della scala dall’altra: nel X secolo, Reginone di Prum affermava che “non bisogna dimenticare che le corde di uno strumento sono da paragonarsi alle corde che producono la musica celeste”, proseguendo nel paragonare ogni suono della scala ai singoli pianeti..
Ben sette, quest’anno gli appuntamenti del Festival, che inizierà domenica 23 con “La notte illuminata” cantata dall’Ensemble “Concerto de’ Cavalieri”, composto dal soprano Raffaella De Ponte, dall’alto Rosa Manfredonia, dai violini Nicola Mitolo e Silvia Salvi, dal violoncello Elisabetta Casapieri, dal contrabbasso Stella Sorgente e dal direttore al clavicembalo Marcello Di Lisa. Il programma verrà aperto dalla VII cantata di Giacomo Antonio Perti “Instabilità della vita humana”, un’opera giovanile, caratterizzata dall’espressione intimistica delle passioni amorose, un esempio di raffinatissima scrittura vocale, autore del quale verranno eseguite altre due cantate la IV che dà il titolo alla serata, La notte illuminata e la I La Turchia supplicante. Seguirà, poi, la Sonata representativa in La maggiore per violino e basso continuo di Heinrich Ignaz Franz von Biber, dalla quale saremo colpiti per l’alto magistero tecnico, in cui vedremo usati con disinvoltura note doppie, accordi, trilli, intervalli molto ampi “scordature”, virtuoso del quale ascolteremo anche la passacaglia in Sol minore per violino solo; dell’Agostino Steffani, invece, sarà eseguita la cantata “Lagrime dolorose” con un’ampia raffigurazione del dolore affidata al cromatismo, secondo un’intensità espressiva che fa pensare a Bach. Finale nel segno Alessandro Scarlatti, la cui precipua virtù è nella solidità della struttura compositiva.
Il cartellone continuerà con il secondo appuntamento previsto per il 25, con l’Ensemble “L’Araba Fenice” con “Quanto è dolce il languir”, con musiche di Handel, Cesti, Vivaldi e Telemann; il 29 “Musiche alla Corte milanese e nel regno di Napoli”, eseguite dal soprano Renata Fusco accompagnata al liuto da Massimo Lonardi, mentre il 1 dicembre appuntamento con la viola di Guido Balestracci ed il clavicembalo di Stefano Maria Demicheli per “Il canto del cigno” – apoteosi e decadenza del duo per viola da gamba e cembalo -.
Il 3 dicembre ritorna il Concerto Italiano di Rinaldo Alessandrini che eseguirà musiche di J.S.Bach, l’8 l’obstinata chòrea del gruppo salernitano Antica Consonanza che si esibirà in un programma di ciaccone e tarantelle, mentre gran finale il 9 dicembre con Riccardo Minasi e Ignazio Schiffani con tre sonate di Bach e la Fantasia e Fuga in La minore per cembalo BWV 904.




Altre opinioni ...
stampa la pagina segnala la pagina Esprimi la tua opinione...
Gli ospiti di Arechi.it



Voci di Arechi.it
I forum di Arechi.it trappresentano uno "strumento" innovativo per consentire uno scambio di informazioni sugli argomenti più disparati.
Se usato bene, non ne potrai fare più a meno!
Salernitani nel mondo…
La tua città ideale…
Salerno e la cultura: quale rapporto?
Arechi.it come lo vorresti tu…
Che ne pensi della metropolitana a Salerno?

Brainworking...
Brainworking...

I Sondaggi di Arechi.it
Il Natale in tavola Una festa cristiana, una scusa per fare shopping, o l’occasione per grandi scorpacciate? Scopriamo qual è il dolce natalizio preferito dai salernitani.
I cazuncielli
Il panettone
Gli struffoli
Il pandoro
I mustaccioli



Ti segnaliamo:
 Lavoro e concorsi
 Finanziamenti